SARDIGNA NATZIONE INDIPENDENTZIA - UNIDADE INDIPENDENTISTA

Su Forum de sos Indipendentistas Sardos / Il Forum degli Indipendentisti Sardi


    DIFENDIAMO cio che ci APPARTIENE

    Condividi
    avatar
    MARIO FLORE

    Messaggi : 24
    Data d'iscrizione : 13.02.09
    Età : 65
    Località : SU MASU

    DIFENDIAMO cio che ci APPARTIENE

    Messaggio  MARIO FLORE il Gio Mag 14, 2009 11:21 pm

    http://4.bp.blogspot.com/_vNG2VWrzA5Y/SgtAAW7NurI/AAAAAAAAARo/EpHQkeP6l9M/s1600-h/centrali+nucleari.jpg

    Postau in facebook
    Kantu bella e sa terra de sardigna ki perenne su SOLE t''illumina e kolora dogni fruttu e frores iffusto dae sas ABBAS de sos rios ki innafiana ortos e fruttetos e kampos de trigu akarezados dae sos BENTOS
    Kusto donos tue tenes NATURALES dande modu a su populu SARDU de kampare.

    SOLE, ACQUA,VENTO sono le forze indispensabili per la VITA
    Popolo Sardo Sè vogliamo salvaguardare questo immenso tesoro naturale che tutto il mondo ci invidia
    c''è un solo modo dobbiamo essere UNITI e COESI con COSCIENZA di POPOLO per difendere e preservare cio chè ci appartiene
    Difenderlo è un nostro diritto
    PERilBENEdiTUTTI

    PRIMA che il POPOLO SARDO venga STERMINATO per lo scuilibrio di un folle FERMIAMO le CENTRALI NUCLEARI
    NOI non le VOGLIAMO



    L''inverno stava per finire,quando un grosso masso è precipitato dalla collina ed è rotolato giù sino alla valle,finendo la sua corsa sopra il tetto di un mulino.IL masso dopo aver sfondato il tetto,è caduto su una culla dove dormiva un bambino di pochi mesi:Pietro Pisano.Quando la madre è accorsa,sentito il forte boato,il bambino aveva già lasciato questo mondo.
    Questa tragica storia,accaduta nel 1957 a San Lorenzo(frazione di Osilo),è il motivo ispiratore della canzone Badde Lontana,e l''autore è nato proprio in questa valle di mulini,dove viveva nel momento della tragedia.
    Composta insieme ad Antonio Costa nel 1972 e incisa per la prima volta dai Bertas nel 1974,Antonio Strinna immagina che la madre del bambino ritorni nella valle il 10 di agosto, alla festa di San Lorenzo.La donna si ritrova così in una situazione di conflitto interiore con la festa e sopratutto con la valle che le ha ucciso il figlioletto.Gioia e dolore,fede e disperazione,amore e incapacità di perdonare,tutto si scontra dentro di lei,in una sorta di guerra continua,inevitabile.Ma alla fine,ecco che si affaccia uno spiraglio di luce:la donna si rivolge fiduciosa al santo,gli chiede di prenderla per mano,di farla sperare insieme a lei.
    In oltre trent''anni di vita ,e dopo l''incisione dei Bertas,questa canzone ha conosciuto moltissimi interpreti,in Sardegna e nella penisola,ed è stata eseguita in molti paesi del mondo.Da tempo viene considerata parte integrante del canto popolare sardo.
    Un ringraziamento particolare va ad Antonio Strinna

    TRADUZIONE
    Valle lontana
    Sotto il cielo di mio figlio
    adesso si canta per tre giorni:
    valle lontana,valle di san Lorenzo
    soltanto io piango pensando a te!

    Me l''hai ucciso senza pietà
    con una roccia rubata a Dio:
    valle lontana,valle di San Lorenzo
    come faccio a perdonarti?

    Gente allegra e bella festa
    poeti in ogni casa
    voglio cantare,voglio pregare
    ma il mio cuore non mi ascolta.

    Dammi la mano San Lorenzo
    c''è la guerra dentro di me
    Dammi la mano,mi sto perdendo
    fammi sperare insiem a te

    Affinchè questo LAMENTO non diventi il PIANTO di un intero POPOLO cancellato da una catastrofe nucleare FERMIAMOLI


    Ultima modifica di MARIO FLORE il Ven Mag 15, 2009 12:18 am, modificato 1 volta
    avatar
    Gion Loi

    Messaggi : 98
    Data d'iscrizione : 13.02.09
    Età : 54
    Località : Sardigna

    Re: DIFENDIAMO cio che ci APPARTIENE

    Messaggio  Gion Loi il Ven Mag 15, 2009 12:09 am

    [quote="MARIO FLORE"]http://4.bp.blogspot.com/_vNG2VWrzA5Y/SgtAAW7NurI/AAAAAAAAARo/EpHQkeP6l9M/s1600-h/centrali+nucleari.jpg

    Postau in facebook
    Kantu bella e sa terra de sardigna ki perenne su SOLE t'illumina e kolora dogni fruttu e frores iffusto dae sas ABBAS de sos rios ki innafiana ortos e fruttetos e kampos de trigu akarezados dae sos BENTOS
    Kusto donos tue tenes NATURALES dande modu a su populu SARDU de kampare.

    SOLE, ACQUA,VENTO sono le forze indispensabili per la VITA
    Popolo Sardo Sè vogliamo salvaguardare questo immenso tesoro naturale che tutto il mondo ci invidia
    c'è un solo modo dobbiamo essere UNITI e COESI con COSCIENZA di POPOLO per difendere e preservare cio chè ci appartiene
    Difenderlo è un nostro diritto
    PERilBENEdiTUTTI


    ... ISTIMATU INDIPENDENTISTA ...

    bisònzu narrere solu "BRAVU" no est unu necessidade de narrere troppu ! custu est s'sugo de tottu ! speremus ke meda zente comprende !?!?!?!

    cun amistade ... Gion

      La data/ora di oggi è Gio Set 20, 2018 4:19 pm