SARDIGNA NATZIONE INDIPENDENTZIA - UNIDADE INDIPENDENTISTA

Su Forum de sos Indipendentistas Sardos / Il Forum degli Indipendentisti Sardi


    sa sanidadi: cosa'e s'atru mundu!

    Condividi

    Marku

    Messaggi : 306
    Data d'iscrizione : 26.02.09
    Età : 66
    Località : Bidha'e Cresia

    sa sanidadi: cosa'e s'atru mundu!

    Messaggio  Marku il Gio Giu 25, 2009 10:45 am

    Tribunale. Colpo di scena al processo per la morte dell'ambulante Giuseppe Casu
    Cinque medici si autoaccusano
    Testimoniano a favore dei colleghi, il giudice ferma l'udienza

    Colpo di scena nel pomeriggio di ieri: sospeso l'esame dell'ultimo teste a difesa, il giudice ha rinviato il processo al 16 luglio per la decisione.
    Hanno difeso il primario e la loro collega, hanno confermato le parole di Giampaolo Turri e Maria Cantone, hanno ribadito che ogni giorno si riunivano per decidere la terapia più idonea a curare Giuseppe Casu, il sessantenne ambulante quartese ricoverato con un trattamento sanitario obbligatorio il 22 giugno di tre anni fa: convocati dalla difesa cinque psichiatri del Santissima Trinità hanno spiegato al Tribunale l'organizzazione di un reparto ad altissima tensione.
    I primi quattro hanno parlato nella scorsa udienza, senza interruzioni. Il quinto no. Ieri pomeriggio l'ultimo teste ha ribadito la collegialità delle decisioni su contenzione fisica e terapia farmacologica per poi confermare il potere di ogni psichiatra di interrompere in ogni momento la terapia: se non è stato fatto evidentemente nessuno lo ha ritenuto opportuno. A quel punto il pubblico ministero ha interrotto l'esame, ed è stato un vero choc.
    «Stanno sostanzialmente ammettendo una condotta identica a quella contestata a Turri e la Cantone, si tratta di dichiarazioni autoindizianti nelle quali gli psichiatri hanno addirittura ammesso di aver valutato il profilo della colpa cosciente nel momento in cui hanno detto di aver valutato i rischi della terapia»: il pm Giangiacomo Pilia ha premesso di aver aspettato per non condizionare i testi a difesa. Quindi ha sollevato una questione giuridica: come utilizzare nel processo le parole dei cinque testi a difesa?
    Il giudice Simone Nespoli ha sospeso l'esame dell'ultimo psichiatra e ha rinviato il processo al 16 luglio per decidere: se non dovesse ritenere autoindizianti le dichiarazioni dei cinque psichiatri il processo andrà senz'altro avanti, altrimenti sarà costretto a riconvocarli con un avvocato difensore e il pm dovrà per forza avviare un'inchiesta-stralcio e iscrivere i cinque testimoni nel registro degli indagati con le stesse accuse contestate a Turri e la Cantone, omicidio colposo aggravato dalla colpa cosciente.
    Il colpo di scena è del primissimo pomeriggio di ieri ed è l'ennesimo in una vicenda giudiziaria cominciata il 22 giugno 2006 con la morte dell'ambulante quartese stroncato da un'embolia polmonare dopo sei giorni di contenzione fisica a letto. Il primo era stato la sospensione dal servizio, per cinque anni, decisa dalla Asl 8 per il primario subito dopo il rinvio a giudizio. Poi era saltata fuori l'inchiesta bis sulla misteriosa sparizione dei reperti anatomici del paziente dal reparto di Anatomia patologica: quell'indagine aveva addirittura portato agli arresti domiciliari il primario Maccioni accusato di soppressione di parti di cadavere, favoreggiamento, frode processuale, falso materiale, ideologico e per soppressione insieme al tecnico dello steso reparto Stefano Esu. L'inchiesta aveva comportato anche il sequestro del software del reparto. Quindi la Asl 8 aveva deciso di sospendere dal servizio anche Maccioni ma la decisione, così come quella su Turri, è rientrata di recente e i due primari sono tornati al loro posto di lavoro. Ma, proprio alla vigilia del reintegro di Maccioni, durante le operazioni di pulizia del suo studio erano saltati fuori a sorpresa 22 vetrini allegati al riscontro autoptico effettuato su Giuseppe Casu. Un giallo nel giallo.
    I due processi si svolgono paralleli: da un lato quello di Turri, dall'altro quello di Maccioni, e ora l'indagine rischia di dividersi in un terzo troncone: sarà il giudice a valutare le parole dei cinque psichiatri chiamati in difesa di Turri e della Cantone.
    MARIA FRANCESCA CHIAPPE

    25/06/2009


    Ge seus in manus bonas, bandara beni ca su dicciu narara "cun macus e cun santus...", custus ant cumitiu un'abusu mannu fadendi morri cussa persona, tenint arrexoni is militantis de A foras, de essi fatu battalla legali. Arrodi no nc'est rispetu po nemus! Saludus indipendentistas.

      La data/ora di oggi è Sab Nov 17, 2018 10:44 pm