SARDIGNA NATZIONE INDIPENDENTZIA - UNIDADE INDIPENDENTISTA

Su Forum de sos Indipendentistas Sardos / Il Forum degli Indipendentisti Sardi


    informazione sulla lotta di liberazione in Palestina

    Condividi

    zdanov

    Messaggi : 32
    Data d'iscrizione : 12.04.09

    informazione sulla lotta di liberazione in Palestina

    Messaggio  zdanov il Lun Ott 12, 2009 9:40 am

    Notizie sulla lotta del popolo palestinese della quale in questo questo forum poco se ne parla. buona lettura

    I leader del FPLP si incontrano con Haniyeh e pianificano azioni congiunte per difendere la causa nazionale

    Una delegazione di leader del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina ha incontrato Ismail Haniyeh, Primo Ministro dell’Autorità Palestinese a Gaza, ed una delegazione della leadership di Hamas a Gaza, domenica 4 ottobre 2009, accordandosi sulle priorità e sottolineando la necessità di essere uniti di fronte alle minacce contro la causa nazionale palestinese.

    I partiti si sono accordati sulla necessità di organizzare ed attivare le istituzioni palestinesi e di mettere fine alle divisioni, in presenza di gravi pericoli per la causa nazionale palestinese, in particolare alla luce del tradimento avvenuto a Ginevra, dove l’Autorità Palestinese di Ramallah, su ordine di USA ed Israele, ha rinviato l’esame al Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU del rapporto Goldstone sui crimini di guerra a Gaza. I partecipanti si sono accordati su cinque priorità:

    1. Il mantenimento delle nostre costanti nazionali palestinesi e dei diritti nazionali, particolarmente in questo momento di rischi politici e minacce di liquidazione contro il nostro progetto nazionale, è il passo più importante in questa fase e deve essere intrapreso e sostenuto con la più grande serietà.
    2. Tutte le istituzioni palestinesi devono essere riattivate e ricostruite su basi comprensive, democratiche ed inclusive, e le elezioni presidenziali e legislative devono svolgersi a fianco di nuove ed inclusive elezioni del Consiglio Nazionale Palestinese, per rafforzare e rilegittimare il ruolo dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina come solo legittimo rappresentante del popolo palestinese.
    3. La riconciliazione nazionale è una priorità nazionale urgente, e deve avere luogo attorno a contenuti quali la protezione del nostro progetto nazionale ed il rafforzamento della determinazione del nostro popolo.
    4. Affermare il diritto del nostro popolo a resistere e la necessità di proteggere la resistenza, e l’importanza del coordinamento fra le forze della resistenza con l’obiettivo di causare i più grandi danni al nemico e limitare i danni al nostro popolo.
    5. Migliorare il lavoro delle autorità a Gaza e correggere gli errori, per alleviare le sofferenze del popolo.

    I partecipanti si sono accordati sulla necessità di continuare gli incontri fra il FPLP e il movimento Hamas per trasformare queste parole in azioni ed aiutare a proteggere il nostro popolo e la nostra causa.
    I compagni Dr. Rabah Muhanna, membro dell’Ufficio Politico del FPLP, Kayid al-Ghoul, membro del Comitato Centrale, Younis al-Jarou e Hisham Majdalawi hanno rappresentato il FPLP all’incontro, mentre Hamas era rappresentata dal Primo Ministro Haniyeh, da Jamal Abu Hashem, da Ayman Taha e dal portavoce del governo Taher al-Nounou.

    Gaza, 4.10.2009
    avatar
    Europeista

    Messaggi : 218
    Data d'iscrizione : 04.02.09
    Località : U.R.N. Sardinnya ONLINE

    Re: informazione sulla lotta di liberazione in Palestina

    Messaggio  Europeista il Lun Ott 12, 2009 4:43 pm

    la necessità di proteggere la resistenza, e l’importanza del coordinamento fra le forze della resistenza con l’obiettivo di causare i più grandi danni al nemico

    Ecco i criminali al servizio dell'imperialismo iraniano contro il Popolo Palestinese, quelli che vogliono la guerra permanente sulla testa dei poveracci, quelli che stanno col culo al caldo ma causano la spirale costante di bombardamenti e le rappresaglie continue.
    Ecco perché il governo regolare Palestinese non può essere d'accordo con alcuni criminali di Hamas, perché i finti resistenti non si fermano e così facendo garantiscono l'influenza di Teheran nella regione.
    Ogni nuovo razzo darà il pretesto ad Israele per bombardare.

    Marku

    Messaggi : 306
    Data d'iscrizione : 26.02.09
    Età : 66
    Località : Bidha'e Cresia

    Re: informazione sulla lotta di liberazione in Palestina

    Messaggio  Marku il Lun Ott 12, 2009 6:07 pm

    No emu a bolli cumprendi mali, ma fintzas a candu a chistionai ant a essi is armas, no biu cali prospetiva tengara su populu palestinesu de ndi bessiri de custu bacu. Nci bolliri prus diplomatzia! No emu a bolli nimancu pensai ca inteletualis palestinesus, appant fatu che is cinesus chi fadiant casinu bint'annus faidi in pratza Tienanmen, e, mancai oj no fadendi passus importantis accabbanta de essi totus a una conca cun is chi is problemas no dhus bollint poni accabbu po atrus interessus! Deu cumenti'e sardu apu sempri tentu contu de is lotas de liberatzioni, perou castiu meda de prus cun bon'ogu cussus populus chi maniggiant armas demograticas e no si lassant imbodhicai de atrus populus chi tenint atrus interessus chi no siant cussus de su populu chi disigiara sa libertadi. Si tengu de pensai a sa liberatzioni natzionali sarda, no est chi abbarriri tempus meda po pensai a si atrus puru, poita ca cun is movimentus pratzius, inoi in domu nostra, bisongiara nantis de totu a si pinnicai a pari, is palestinesus e atrus ge m'ant a cumprendi ca no est po egoismu chi no potzu fai prus de tanti. Ti nau custu, poita a parti sa causa de Brunu, de imoi nantis bisongiara a pensai puru a ndi bogai de is casinus Doddore e is atrus denunciaus de sa magistradura italiota. Si depeus difendi de s'eolicu, de su possibili scioberu nucreari, de is scorias, de is basis, ndi teneus berus istimau cumpangiu, mancai no andeus a circai su de is atrus. Saludus indipendentistas
    avatar
    Issohadore

    Messaggi : 53
    Data d'iscrizione : 07.02.09

    Re: informazione sulla lotta di liberazione in Palestina

    Messaggio  Issohadore il Lun Ott 12, 2009 7:44 pm

    ...Ti nau custu, poita a parti sa causa de Brunu, de imoi nantis bisongiara a pensai puru a ndi bogai de is casinus Doddore e is atrus denunciaus de sa magistradura italiota. Si depeus difendi de s'eolicu, de su possibili scioberu nucreari, de is scorias, de is basis, ndi teneus berus istimau cumpangiu, mancai no andeus a circai su de is atrus...(Marku)

    Cuncordo a pienu kin su pessamentu tuo, issos no keren ponner in casinu su Populu sardu, suni atteros sos ki bien custa bardanada. Derettu sos indipendentistas sardos depen dennuntziare ki in Sardigna no tenimmus unu tzornale (de cada die) ki informet su Populu e ponner remediu a custu mancamentu de domocratzia cunsiderau ki in Sardigna su 50% de sa populatzione est sarda prima 'e tottus...

    Saludos sintzeros...

    lutzedhu

    Messaggi : 39
    Data d'iscrizione : 06.02.09

    Re: informazione sulla lotta di liberazione in Palestina

    Messaggio  lutzedhu il Mar Ott 13, 2009 7:55 am

    Issohadore ha scritto:Derettu sos indipendentistas sardos depen dennuntziare ki in Sardigna no tenimmus unu tzornale (de cada die) ki informet su Populu e ponner remediu a custu mancamentu de domocratzia cunsiderau ki in Sardigna su 50% de sa populatzione est sarda prima 'e tottus...

    Saludos sintzeros...
    Su 3 de Santugaini in Roma an fattu una manifestatzione po sa libertate de istampa, sicuramente de parte, sa solita cuntrapositzione istrumentale de destra e manca italiana. A nemos li est bentu a conca de pretzisare ki sa libertate de informatzione est meta prus larga de sos cuntrastos politicos anti berlusconianos. A sa sardinna li est istata riconnota s'ispetzialitate, dae cussu mamentu depiat essere istatu normale ki s'istampa locale l'esseret dedicatu una pazina, una sorta de pazina po s'IDENTITATE. Custu, a bisu meu, est unu derettu ki s'indipendentismu depet rivendicare a s'istampa sarda.

    zdanov

    Messaggi : 32
    Data d'iscrizione : 12.04.09

    Re: informazione sulla lotta di liberazione in Palestina

    Messaggio  zdanov il Mar Ott 13, 2009 10:11 am

    Dunque: mi sembra che io non sono entrato nel merito di questo documento, non ho espresso giudizii, non ho detto che la lotta di liberazione del popolo palestinese deve assumere questione prioritaria dentro il movimento di liberazione nazionale in Sardegna. Ho reso pubblico un documento di dibattito di organizzazioni palestinesi che lottano per la liberazione del loro popolo, auspicando buona lettura ai forumisti perchè secondo me, la lotta di liberazione palestinese è poco trattata in questo forum, punto. La cosa che più mi ha colpito, è l'intervento di Europeista, colui che si è precipitato a dare cordoglio alle famiglie dei soldati volontari e pagati dell'esercito italiano,forza di occupazione della nostra terra( bisogna ricordarglielo ogni tanto) e che daltro canto non si è precipitato ha dare cordoglio alle famiglie degli operai morti sul lavoro in Sardegna.
    avatar
    Europeista

    Messaggi : 218
    Data d'iscrizione : 04.02.09
    Località : U.R.N. Sardinnya ONLINE

    Re: informazione sulla lotta di liberazione in Palestina

    Messaggio  Europeista il Mar Ott 13, 2009 10:45 am

    Il cordoglio lo diedi anche alle vittime da lavoro presso il nostro Portale ed in qualche aggiornamento anche in questo forum.
    I militari Sardi non sono cittadini di serie B.

    In merito alla Palestina, da ben prima che arrivassi io nell'indipendentismo tutti avevano ben chiaro che con la violenza non si fa strada nella rivendicazione dei diritti di un Popolo: Magari qualcuno non ne era convinto ma nei fatti ovviamente nessuno si è mai spostato dalla linea della non-violenza e così sarà per sempre.

    Per le cause internazionali, bisogna anche partire dal presupposto di domandarsi che cosa abbiano fatto per noi altri Popoli con ben più vaste risorse alle spalle: Forse poco e nulla. Il ché non giustifica la volontà di pendere sempre dalle loro gesta, per di più se caratterizzate da atti violenti che l'indipendentismo Sardo NON RICONOSCE.

    Infine come ho detto: Nell'informazione che hai riportato non c'è traccia di patrioti Palestinesi ma di imperialisti tali e quali a quelli che dall'altra parte si muovono per altri interessi.
    L'indipendentismo consiste nello stare dalla parte del Popolo con la democrazia, non di patteggiare con una parte in lotta che ha fini molto più specifici e che passano per il mantenimento della guerra permanente.
    Il Marxismo Sardo è ancora immaturo nella valutazione del sistema geopolitico moderno e le sue valutazioni sono spesso ferme ai tempi della Cortina di ferro...I buoni e i cattivi non stanno da una parte, si confondono i ruoli. E chi ci va di mezzo sono sempre e solo i poveracci, ostaggio di questi criminali. Tra l'incudine e il martello, ovvero tra due imperialismi diversi e forse concordanti.

    Marku

    Messaggi : 306
    Data d'iscrizione : 26.02.09
    Età : 66
    Località : Bidha'e Cresia

    Re: informazione sulla lotta di liberazione in Palestina

    Messaggio  Marku il Mer Ott 14, 2009 11:34 pm

    No emu a bolli essi cumprendiu mali! Perou, si bolleus fai informatzioni depeus cumprendi ca is palestinesus puru inintru’e issus funt pratzius, custu faidi su giogu de chini no bolliri sa paxi! Andara beni a s’aguantai informaus e sciri ita budhiri in sa pingiara de is atrus, poita ca is palestinesus a is tempus de Yasser Arafath, candu po si liberai iant pregontau aggiudu a sa Russia, a is russus dhus interessara scetti a bendi armas. De custus fatus is palestinesus ant circau de allargai e cambiai circhendi apogiu in Europa e in America, cumenti podeus biri perou nc’est sempri atras natzionis prontas a suai apitzus de su cinixiu po biri si nc’est su fari fari po torrai a fai partiri su fogu! Is gherras no ant mai portau solutzioni peruna! Antzis eus biu in is seculus ita matzamurru nd’est istetiu bogau! Ancora oj in s’Europa nci funt natzionis chentza de istadu, chi po fai balli su diritu a s’autodeterminatzioni faint atzionis de gherra, Corsica, Euskadi…! S’internatzionalismu social-comunista de su seculu passau, est abbarrau in is paperis, poita ca donia populu teniara interessus diversus, bastiri a s’arregordai is francesus, is russus contras a is cinesus, sa ex Jugoslavia, s’Albania. Deu nau ca s’istoria grandu maistra de vida a bortas pariri ca no s’at imparau nudha! In sa familia mia eus sunfriu candu sa Russia fiada andara a ndi sturai su fogu de sa demogratzia in Ungheria nantis, y apustis in Polonia, is campus tzerriaus "gulag" po nci poni a chini no dha pensara cumenti'e su partidu,liggi e biri de Tienanmen, liggi ca in pagus annus funti mortus casi cincumila minadoris in Cina, ca sfrutanta po fintza’e is pipius, eja, su “socialismu de mercau”, arratza’e inventzioni! In is annus setanta unu PCI burghesu chi at scarrigau un'omini che E. Berlinguer, chi nantis si fiada permitiu puru de lassai morri Gramsci in is galeras fascistas, eh, istimau Zdanov certus contus no torranta, ispecia cun s’istoria! S’istoria est s’ora’e chi dh’accabinti de dha scriri cun su sanguini de is inocentis, in Somalia e in Eritrea puru, tanti po fai informatzioni! Est ora puru de crariri ca custus sordaus mortus, funti trabballadoris precarius in sa vida, y erois de mortus, personas chi no anti agatau atru de fai e anti fatu cussu scioberu po podi campai, po su dinai, custas cuntraditzionis bisongiara a ndi bogai a pilu, custu ti dhu nau de ex proletariu in divisa! Bisongiara a trabballai meda in mesu’e sa genti po fai scopiai is cuntraditzionis de is sistemas imperialisticus, mancai maniginti sinis de su trabballu! Pagaus unu pretziu tropu mannu e no si dhu podeus permiti, pigadhu puru de cuss’operaiu rumenu mortu streccau in Bidha’e Cresia, un’istoria de pobira genti benia fintzas a inoi po podi campai, invecias est torrau in familia aintrus de una cascia! Seus imbodhicaus a unu istadu strangiu chi si ponniri suta’e peis po fintzas su fundamentu de sa repubblica chi nanca guvernanta: “scudo fiscale”, “lodo alfano”, “legge omofobia”, “testamento biologico”, “leggi sicurezza sul lavoro”, sbagassamentu e droga cun su dinai publicu, arratza’e casinu! Seus in d’una repubblica aundi no nc’est prus opositzioni, aundi s’arriscara sa demogratzia de die in die. Bisongiara in domu nostra a ponni fundamentas de unidadi de is movimentus indipendentistas, fai scopiai is cuntraditzionis aintrus de is autonomistas, de chini bolliri turris de bentu e chini ndi bolliri portai su gas pighendusindi is terras, po podi callentai su culu a s’Italia! Saludus indipendentistas.


    Ultima modifica di Marku il Gio Ott 15, 2009 12:50 pm, modificato 1 volta

    Marku

    Messaggi : 306
    Data d'iscrizione : 26.02.09
    Età : 66
    Località : Bidha'e Cresia

    Re: informazione sulla lotta di liberazione in Palestina

    Messaggio  Marku il Mer Ott 14, 2009 11:39 pm

    Iglesias. Avviso di garanzia al titolare del parco giochi, a un dipendente indiano e a un autista: avrebbero mentito sui fatti
    Tre indagati per la morte al luna park
    Marian Sagaciu sarebbe stato schiacciato da una gru
    Mercoledì 14 ottobre 2009
    Svolta nell'inchiesta sulla morte dell'operaio rumeno nel parco-giochi Matherland di Iglesias: è stato investito da una gru e non da un camion. L'autista che aveva confessato è indagato per autocalunnia.
    H anno mentito, hanno mentito in due: ha mentito chi ha investito l'operaio rumeno e ha detto di non aver visto niente, ha mentito chi non ha investito l'operaio rumeno e ha confessato di averlo fatto. E se è vero che la vittima lavorava da almeno un anno, in nero, per la Matherland, ha mentito anche il titolare dell'impianto in via di sistemazione nel piazzale sterrato davanti al centro commerciale Leclerc di Iglesias.
    Sono tre gli indagati per l'incidente costato la vita a Marian Sagaciu, 36 anni: il titolare del parco giochi Corrado Luigi Marengo di Osilo e l'operaio indiano Singh Jazwinder hanno ricevuto un avviso di garanzia per omicidio colposo, l'autista Giampietro Segarelli di Quartu per autocalunnia.
    In sostanza: Marengo è finito sul registro degli indagati in quanto titolare del parco-giochi dove alle 11 del 30 settembre scorso è accaduto l'incidente mortale; l'operaio indiano, dipendente regolarmente assunto dalla Matherland, è accusato di aver inavvertitamente investito il rumeno mentre si trovava ai comandi di una piccola gru; Segarelli è sotto inchiesta perché si è addossato la responsabilità dicendo ai carabinieri di aver investito il rumeno col suo camion in retromarcia. Ma le voci che giravano a Iglesias nei giorni successivi hanno messo in allarme i carabinieri: riconvocati in caserma, l'autista e l'indiano a quel punto hanno confessato. In realtà Sagaciu non era finito sotto le ruote del camion ma sotto quelle della gru, ai comandi non c'era Segarelli ma Singh. I due hanno giustificato la menzogna col fatto che solo il camion era assicurato. Ed è pure verosimile. Non si capisce, però, perché Segarelli (che non è dipendente della Matherland ma amico del titolare) si sia addossato la colpa.
    In realtà le indagini dei carabinieri, coordinate dal sostituto procuratore di Cagliari Rossana Allieri, hanno ricostruito l'incidente in modo completamente diverso: Sagaciu non passava da quelle parti per caso, non era in attesa di una risposta dopo aver chiesto lavoro il giorno prima, lavorava per la Matherland da oltre un anno e il 30 settembre era al lavoro insieme a Singh: Sagaciu a terra, l'indiano ai comandi di una piccola gru. A un certo punto il rumeno è scivolato oppure Singh ha perso il controllo della gru a causa di una buca sul terreno: Sagaciu è stato investito ma inizialmente non sembrava in pericolo di vita, si è seduto, era lucido, parlava. La situazione è precipitata nei minuti successivi. E neanche sei ore di intervento chirurgico hanno potuto rimediare alle gravissime lesioni interne.
    L'inchiesta è partita immediatamente e subito si è capito che qualcosa non quadrava nel racconto dei testimoni, intanto radio iglesias forniva un'altra versione dei fatti. Pochi controlli incrociati ed è stato presto chiaro che l'autista del camion avesse mentito. Messo alle strette Segarelli alla fine ha confessato: non sono stato io col camion, è stato l'operaio indiano con una piccola gru.
    Ma ancora gli accertamenti non sono finiti. I carabinieri lavorano su due fronti: da un lato vogliono verificare se sia stato modificato lo stato dei luoghi, se cioè sia stato simulato un incidente col camion a sostegno della tesi concordata per nascondere la verità; dall'altro stanno tentando di capire se davvero la vittima lavorasse in nero, e pure da molto tempo, pare da oltre un anno, per il parco-giochi itinerante Matherland. Nel qual caso potrebbero scattare nuove accuse legate anche e soprattutto al mancato rispetto delle norme sulla sicurezza nei posti di lavoro.
    MARIA FRANCESCA CHIAPPE

    Su chi mi faidi arrinegu e ca su medi de is gious si faidi passai po ardista!

    Contenuto sponsorizzato

    Re: informazione sulla lotta di liberazione in Palestina

    Messaggio  Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Sab Nov 17, 2018 10:45 pm